Una mano pazzesca dall’ultimo WSOP Monster Stack

leng monster stack

L’ultima edizione delle World Series of Poker ci ha regalato tante emozioni e anche qualche momento incredibile. Uno di questi è legato al final table dell’evento Monster Stack, uno dei più attesi in quanto consente grande giocabilità proprio grazie agli stack di partenza che sono particolarmente elevati. In questo contesto ci tuffiamo direttamente nel tavolo finale del torneo.

In questo caso i protagonisti della mano che andiamo ad analizzare sono Ryan LengRafael Reis. Lo statunitense riesce a gestire nel migliore dei modi una situazione in cui ha massimizzato fin quanto ha potuto. Anche perchè dall’altra parte il giocatore brasiliano non è stato molto fortunato nella dinamica del colpo.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Andiamo a vedere nel dettaglio come sono andate le cose in questo colpo pazzesco.

Scala contro scala al Monster Stack

Situazione: final table livelli 500.000/1.000.000 big blind ante 1.000.000

Preflop: Leng decide di fare solo call da late position con A♥K♥, Reis con K♦9♠ da small blind fa solamente call e consente ad Andler di giocare con 7♣4♣ da big blind. Il pot sale a quota 4 milioni.

Flop: Q♦10♦J♣ – nonostante il board particolarmente vantaggioso, sia Reis che Leng optano per il check. Si adegua ovviamente anche Andler.

Turn: 8♣ – Reis questa volta esce in puntata per 2 milioni e mezzo. Andler decide di passare il suo flush draw, Leng rilancia a 8 milioni e mezzo. C’è il call del giocatore sul big blind, il pot sale a quota 21 milioni.

River: 9♥ – Reis questa volta torna a checkare, Leng punta 9.2 milioni e trova il call da parte del suo avversario.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

In questo caso a Leng è bastato giocare con il pilota automatico, in un colpo che poteva rendersi pericoloso solo nel caso di chiusura di un potenziale flush draw. Che è soprattutto il motivo per cui Reis ha provato a puntare sul turn per scremare il gruppo, riuscendoci solo in parte con il fold di Andler.

Il colpo è diventato definitivamente imparabile quando si è apparecchiata la scala sul board al river. In questo modo il K in mano al brasiliano è diventato ancor più forte. Peccato per lui che in giro ci fosse anche il nuts…


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Photo credit: PokerNews.com

Author: Frank Snyder