“La gente check-raisa poco, le small bet sono fantastiche!”

Ryan Laplante, per chi non lo conoscesse, è un pro player statunitense che negli ultimi 10 anni di Hendon Mob ha collezionato oltre 2 milioni e mezzo di vincite lorde solo nei tornei live.

Seguire il suo account Twitter spesso regala interessanti punti di ispirazione. Questa volta Laplante propone un sondaggio a scelta multipla su uno spot al flop che a suo avviso aveva un’unica soluzione, ben distante dalla maggioranza dei 324 votanti.

 

Comparatore Bonus Poker

Room Bonus Visita
Rakeback
45%
Rakeback
40%
Rakeback
20%

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Lo spot è il seguente: Day 1B del Millionaire Maker WSOP, 25.000 chips allo start, blinds 100/200 più ante.

Ryan apre a 400 con K♦J♦ dal cutoff, ricevendo i call dei due blinds, entrambi giocatori ricreazionali.

Il pot è 1.400 sul flop 8♥7♥2♣, ed entrambi gli avversari checkano.

Ora, Hero cosa dovrebbe fare? Le scelte sono

  • Check
  • Bet 400
  • Bet 700
  • Bet 1.000

Come potete vedere dal tweet allegato qui sotto, più della metà dei votanti decide di checkare behind, ma Laplante la pensa diversamente.

“Considero ogni move diversa dalla bet 400 qui un errore.”

I commenti in risposta a questa affermazione si schierano abbastanza a sfavore, e spesso viene chiesto il perché di questa idea.

In particolare un utente fa notare che SB e BB hanno il range advantage su questo board, quindi non capisce come mai sia un errore il check.

Laplante risponde che uno degli errori più comuni della gente è check-raisare decisamente meno di quanto si dovrebbe, e che di conseguenza le small bet performano egregiamente.

Interessante anche il commento di Brian Frenzel, che aggiunge: “Ho anche scoperto che aiuta a realizzare l’equity al river, perché raramente la gente andrà in lead al turn dopo una c-bet. In pratica stai pagando 400 per vedere turn e river”

 

Comparatore Bonus Scommesse

Bookmaker Bonus Visita
Bonus
20€
Bonus
20€
Bonus
100€

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.

 

Un altro commento dice che le frequenze del field indicano troppi fold al turn contro una delayed cbet, e checkare IP permette una linea profittevole su molti turn, ma Laplante risponde che per quanto sia vero, al turn (soprattutto in 3-way) aumenta la possibilità che gli avversari hittino qualcosa e passino in vantaggio, e che minimizza invece i profit quando siamo noi a hittare. In definitiva la bet al flop è molto migliore.

E tu cosa ne pensi? Commenta questo post sulla pagina Facebook di Grinderlab!

 


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Author: Frank Snyder