La fuga di Eugene Katchalov: “Elicotteri sulla mia testa”

eugene katchalov

Le immagini a dir poco violente e forti che ci stanno arrivando dall’Ucraina hanno colpito negli occhi e nel cuore ognuno di noi. Per nostra fortuna non conosciamo sulla nostra pelle il significato della parola “guerra”. Ma ci sono alcuni personaggi, che ormai fanno parte del nostro quotidiano, che la stanno vivendo da vicino. Come nel caso di Eugene Katchalov.

Il fortissimo giocatore di poker ha preso da qualche anno la nazionalità americana, ma le sue origini ucraine sono forti e marcate. Eugene era tornato nella sua terra natìa per stare vicino alla propria famiglia, ma ciò che sta accadendo nel territorio del Donbass lo sta costringendo ad andare via in fretta e furia. Una fuga documentata anche attraverso alcuni post sui social.

 

Comparazione Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Alcuni passaggi carichi di paura e di ansia per il futuro suo e della sua famiglia.

Eugene Katchalov fugge dall’Ucraina

La vicenda che sta riguardando Katchalov è stata riassunta dal diretto interessato attraverso una serie di tweet che vi passeremo in rassegna. Un modo per documentare in forma diretta su quella che è la situazione nel suo Paese. Ma anche un modo per rassicurare chiunque lo conosca e gli voglia bene, a livello personale o come semplice appassionato.

Nell’ordine Eugene Katchalov scrive così su Twitter: “Ciao ragazzi, sono a Kiev in Ucraina. Mi sono svegliato con il rumore di una forte esplosione nelle vicinanze e ho deciso di lasciare la città con mia moglie. Ci sposteremo in un villaggio vicino con alcuni amici, prima di decidere il da farsi. C’è un traffico pazzesco ovunque, ci sono file lunghissime alle stazioni di rifornimento e agli ATM per prelevare denaro“.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Infine quello che senza dubbio è il tweet che incute maggiore paura: “Ho appena visto due elicotteri volare sopra la mia testa. Non mi sentivo così nervoso da quando ero a Manhattan per l’11 settembre“.

Una situazione terribile che ci auguriamo che si possa risolvere al più presto.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

 

Author: Frank Snyder