“Il poker non è ancora un gioco per donne”

vanessa kade

Il tema dell’inclusione nel mondo del poker non è mai stato dibattuto abbastanza. In quanto gioco in cui le skill e di conseguenza la meritocrazia hanno avuto sempre la meglio (salvo alcune inevitabili eccezionali), nessuno è mai stato troppo a guardare la differenza tra sessi. Tuttavia, nelle ultime ore è scoppiato un caso legato alle ultime parole spese da Vanessa Kade.

La giocatrice statunitense ha deciso di porre fine al suo rapporto di lavoro con Americas Cardroom. Stiamo parlando della room di riferimento per il gioco online legalizzato negli Stati Uniti, che da qualche anno la annoverava tra i suoi testimonial. Tuttavia la Kade ha deciso di farsi da parte, in particolare a causa della situazione relativa al rapporto tra donne e poker.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Una decisione sofferta ma arrivata dopo una serie di valutazioni.

Vanessa Kade e le donne nel poker

Vanesse ha scritto un lungo messaggio che le è servito per spiegare la sua scelta di lasciare ACR. E non poteva mancare un suo riferimento al tema dell’inclusione e di una presenza del “gentil sesso” nel poker, che in realtà è andato scemando negli ultimi tempi.

Queste le sue parole salienti:

Ho speso molte energie affinchè il problema dell’inclusione venisse studiato con attenzione dai vertici di ACR. Ho fatto di tutto perchè questo argomento avesse maggiore attenzione. Uno dei miei sogni era quello di fare da ambasciatrive del gioco e non posso descrivere la mia felicità nel giorno in cui ci sono riuscita. Ma ora quella felicità è direttamente proporzionale alla frustrazione e alla delusione.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Nel suo messaggio Vanessa Kade parla anche di “valori non condivisi” con alcuni membri del team. Torna dunque alla mente il suo botta e risposta con Dan Bilzerian, il quale sosteneva che la sua avvenenza le consentì di ottenere il ruolo, piuttosto che le sue abilità al tavolo. Una frase che ha lasciato il segno in Vanessa, la quale vorrebbe porre fine a queste dicerie sessiste.

Di certo una polemica del genere non fa bene al movimento. E forse lo sfogo della Kade, con tanto di gesto “simbolico” di addio ad Americas Cardroom, potrebbe fare da apripista.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Photo credit: Pokergonews.com

Author: Frank Snyder