Il fold di Sean Winter che ha spianato la strada a Negreanu

sean winter

Abbiamo raccontato in giornata il ritorno alla vittoria di Daniel Negreanu. Il giocatore canadese, che sembra resistere in maniera pazzesca allo scorrere del tempo, è riuscito a portare a casa l’evento #6 della PokerGo Cup. Ad avere la peggio nell’heads up finale è stato Sean Winter, il quale è riuscito ad arrivare fino in fondo rispettando i pronostici.

I due, però, si sono affrontati in un altro colpo che nella community – soprattutto quella americana – ha generato non poche discussioni. In modalità 4-left e con il canadese in piena rimonta, infatti, Winter si è reso protagonista di un call che non è stato accolto con favore da tutti. Se non altro per la dinamica della mano e e per una situazione ancora molto aperta.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Andiamo ad analizzare questa giocata in maniera più scrupolosa possibile.

Sean Winter, un fold molto al limite

Situazione: final table livelli 20.000/40.000 big blind ante 40.000

Preflop: Winter rilancia da cut off con A♣Q♠ a 80.000, trovando il call di Negreanu che gioca con 7♥6♥ da bottone. Foldano i bui, il pot sale a quota 260.000 chips.

Flop: J♦10♦8♣ – Sean decide di fare check, la parola passa al canadese che esce in puntata per 155.000 chips, trovando il call da parte del rivale. Il pot sale a quota 570.000 chips.

Turn: A♦ – ancora un check da parte di Winter, Daniel ne mette altri 275.000 al centro. Lo statunitense opta clamorosamente per il fold e lascia il piatto al suo avversario.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Se dovessimo ragionare a carte scoperte, il fold da parte di Sean Winter è totalmente errato per una semplice ragione: Daniel Negreanu è drawing dead già al turn.

Ragionando però a carte coperte e ripercorrendo la mano, bisogna fare alcune valutazioni. Di certo in questo caso lo statunitense sbaglia a ridurre il range di mani del suo avversario alle uniche che lo battono, ovvero K-Q e i flush già chiusi. Anche una coppia coppia gli darebbe ancora 11 sicure, ovvero le 9 per la doppia coppia e i due Assi rimanenti.

Di certo un ragionamento molto tight da parte di Winter, che ha perso una grande occasione. E a sua volta ha dato nuova vita a Negreanu.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Photo credit: Poker Central

Author: Frank Snyder