Igor Kurganov dovrà gestire i 5,7 miliardi di beneficenza di Elon Musk

elon musk poker igor kurganov donazione beneficenza

Nel poker non è ancora mai capitato di parlare di miliardi di dollari, ma se invece il contesto è Elon Musk allora sono cifre all’ordine del giorno. Che c’entra Igor Kurganov allora?

Il pro russo come saprete è da anni coinvolto nella beneficenza, assieme alla sua dolce metà Liv Boeree hanno creato REG, Raising for Effective Giving, e ora che mister Tesla in persona ha deciso di unirsi al club di miliardari benefattori, le due strade si sono incrociate.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Elon Musk affida quasi 6 miliardi a Igor Kurganov

Elon Musk è attualmente l’uomo più ricco della terra, cosa che ha attratto facili critiche da chi desiderava più impegno nella beneficenza, vista l’abbondante disponibilità economica.

Le precedenti iniziative di Musk infatti, nonostante fossero sull’ordine di svariati milioni di dollari, non hanno convinto al 100% qualcuno, che si aspettava di più da qualcuno che di dollari ne ha centinaia di miliardi.

A novembre 2021 allora Elon ha donato l’equivalente di $5.700.000.000 in azioni Tesla (facendo discutere sul perché di questa scelta, discorso che non approfondiremo qui).

In un piccolo botta e risposta su Twitter, in cui si insinuava che il World Food Program avrebbe potuto risolvere la fame nel mondo con il 2% degli averi di Musk, quest’ultimo ha risposto “Se il WFP spiega qui su Twitter nei dettagli come 6 miliardi possano risolvere la fame nel mondo, venderò immediatamente azioni Tesla e lo farò.” 

Forse proprio inviperito sull’efficienza della gestione delle donazioni, Musk alla fine ha preso quei (quasi) sei miliardi e li ha dati in gestione a chi meglio di tutti poteva gestirli: Igor Kurganov.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Perché Kurganov? – Cos’è REG Charity

REG Charity, acronimo per “Raising for Effective Giving“, è un’ente di beneficenza che tra i co-fondatori vede nomi di grande spicco del poker mondiale: Igor Kurganov, Liv Boeree, Phil Gruissem e Stefan Huber, così come tra gli ambassador, da Bonomo a Jacobson, da Juanda a Seidel.

La correlazione con il poker è evidente anche dai giochi di parole REG, regular, e “Raising” che può significare “raccogliere fondi” come “rilanciare”.

In buona sostanza l’attività di REG, seppur non l’unica, è raccogliere percentuali dai giocatori vincenti per poi redistribuirla in beneficenza seguendo i criteri dell’efficenza e della trasparenza.

Insomma, uno stop a quei vergognosi casi di carità a quasi scopo di lucro, e soprattutto a una pessima gestione di dove indirizzare quei fondi. Per capirci, se 100.000 dollari possono salvare X vite in un modo e X+100 in un altro, REG sceglierà il secondo per massimizzare i risultati della raccolta fondi.

Musk può aver scoperto questa idea googlando e averla trovata perfetta per il suo scopo, ma noi che nascondiamo un animo gossiparo del poker sappiamo anche che Liv Boeree e Grimes, l’ex-fidanzata di Elon, sono ottime amiche, e probabilmente il fatto che Liv sia un’astrofisica può avere la sua importanza nel rapporto con la famiglia Space-X.

Ad ogni modo, né Musk né REG Charity hanno riportato questa transazione, che quindi non sembrerebbe vincolare l’ente di beneficenza pokeristico a questa operazione da 5,7 miliardi.

Per il momento quello che si sa è che sarà Igor Kurganov in persona a decidere, o forse solo suggerire, in che modo questa cifra spropositata degna dei record di beneficenza della storia, andrà utilizzata.

 


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Author: Frank Snyder