High Stakes Poker prosegue. E per Durrrr sono dolori

tom dwan cryptovalute

Gli amici di PokerGO hanno mandato in onda nelle scorse ore il secondo episodio della nuova stagione di High Stakes Poker. La prima, che è stata trasmessa poco più di una settimana fa, ha visto all’opera già alcuni dei grandi protagonisti che erano stati annunciati. Tra questi un Daniel Negreanu in forma smagliante, al punto da sfoderare una grande giocata contro Kim Hultman.

Quest’ultimo, che potremmo considerare l’outsider di questa edizione, è tornato al tavolo anche per la seconda puntata del format. Tra questi se ne sono aggiunti tanti altri che andiamo a elencare. Da Tom Dwan a Jean-Robert Bellande, da Phil Ivey al già menzionato player canadese. Insomma, un vero e proprio parterre d’eccezione per assistere a giocate di grandissimo spessore.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

High Stakes Poker 9, il succo del secondo episodio

L’episodio prende il via con un colpo molto importante, in cui il già citato Hultman coglie in fallo Doyle Brunson. Il suo tris riesce a fargli guadagnare forse il massimo, per via di un bluff poco convincente di Texas Dolly. Poco dopo, però, il grande protagonista della puntata diventa Tom Dwan. E non possiamo parlare esattamente di un protagonista in positivo, visto ciò che gli è accaduto.

Durrrr si ritrova infatti a perdere due colpi abbastanza pesanti, che riducono e non di poco il suo stack. Nel primo caso si ritrova contro Hultman e soprattutto Phil Ivey. Il quale centra un full runner runner che gli porta un profit superiore a 15mila dollari. Il secondo colpo vede Dwan contro Bellande. Anche in questo caso, però, Tom è bravo a foldare al river contro una overbet comunque ben assestata da JRB.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Le brutte botte per Durrrr proseguono anche contro Negreanu e soprattutto Jonathan Gibbs. Quest’ultimo, al debutto assoluto ad High Stakes Poker, porta via al più quotato avversario un pot che supera i 60mila dollari e fa crollare ulteriormente Dwan.

La chiusura è da fuochi d’artificio. È ancora Bellande il protagonista, con un pot complessivo da oltre 166mila dollari che costringe Patrik Antonius a fare rebuy. Questa è l’ultima emozione di un episodio elettrizzante.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Author: Frank Snyder