“Ecco come aiuta i grinder”

Johan Guilbert

Il tema della diffusione delle cryptovalute nel poker online è ormai diventato argomento di dibattito a livello internazionale. Mentre in Italia si lavora per la riduzione delle restrizioni sulla circolazione del denaro contante, all’estero si viaggia a ben altre velocità. Così anche gli esponenti dei gioco di stampo mondiale continuano a esporsi in maniera chiara. Come nel caso di Johan Guilbert.

Il noto grinder francese, meglio conosciuto con il suo nickname YoH.Viral, ne ha parlato durante uno dei podcast più ascoltati sul tema. Stiamo parlando di Coin Rivet, trasmissione alla quale il transalpino ha preso parte insieme a Jeff Gross. Il tema della diffusione sempre più forte delle cryptovalute e della loro presenza nel mondo del poker è diventato quasi spontaneo durante l’intervista.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Tanto che il francese non si è posto problemi nell’esporre la sua posizione.

Johan Guilbert spinge per le cryptovalute

Guilbert ha fatto capire chiaramente quella che è la sua visione nell’incastro tra il mondo del poker e quello delle valute crypto. Un incastro che si avvicina sempre di più alla perfezione, anche per la variazione costante del valore di queste valute. Tanto che Johan stesso ammette di conoscere tanti grinder di grande spessore che ormai usano queste monete nei propri conti gioco online.

Una scelta sempre più ricorrente che potrebbe portare anche a un netto innalzamento del valore di Bitcoin e simili. In tal senso la previzione da parte di YoH.Viral è piuttosto forte:

Verrà il giorno in cui il Bitcoin varrà 150.000 dollari ed Ethereum riuscirà ad arrivare a quota 5.000 dollari.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Una previsione piuttosto forte, dal momento che attualmente il valore del bitcoin si attesta sui 40mila dollari dopo aver toccato punte anche di 60mila. In ogni caso il francese ha spezzato ulteriormente una lancia in favore delle cryptovalute, sostenendo che aiuteranno i giocatori nella gestione del bankroll.

Trattandosi di monete “virtuali” sarebbe infatti molto più semplice spostarne parte da un Paese all’altro. Ma questo, almeno per il momento, in Italia non viene compreso.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Author: Frank Snyder