Doug Polk commenta i migliori 20 giocatori al mondo (3/3)

12 cose che non sapevi su Phil Ivey

 

Justin Bonomo

Un giocatore di incredibile bravura, sicuramente uno dei migliori nei tornei. Secondo me è eleggibile tranquillamente per il migliore in assoluto nei tornei.

Questo compensa le sue lacune in altri formati, in fondo non è la classifica di chi ha giocato più mixed games.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Phil Ivey

Phil copre tutte le aree. Vuoi parlare di online? È stato uno dei più vincenti ai tempi di Full Tilt. Vuoi parlare di live? Ha 10 braccialetti. Ha giocato Heads-Up, ha giocato full ring, ha giocato tornei, cash game, partite private, di tutto.

Non trovi facilmente motivi per non inserirlo nella lista. Credo che anche lui però abbia un po’ risentito dei tempi che cambiano.

 

Linus Loeliger

Uno dei migliori giocatori cash game 6-max di tutti i tempi e uno dei migliori giocatori cash game heads-up di tutti i tempi. È stato uno dei migliori online per anni.

L’unica domanda che resta è: è abbastanza per entrare in top 5, top 10? Anche a lui mancano altre discipline, come tornei o partite private, ma se mi chiedeste chi è il miglior giocatore di Texas Hold’Em, io risponderei Linus.

 

Phil Galfond

Uno dei giocatori più forti di Omaha, ha vinto tutte le sue challenge, ed è sulla cresta dell’onda da anni, fino al giorno d’oggi.

Però credo ci siano altri giocatori che hanno fatto meglio di lui e non sono in questa classifica, come Ben Sulsky o Ben Tollerene.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Jason Koon

Se dovessi metterli in ordine di talento naturale, sarebbe in fondo alla lista, ma potrebbe essere quello che lavora più duro di tutti. Gioca ogni giorno, studia ogni giorno, cerca sempre di migliorare, e ha lottato per crearsi la strada che lo ha portato a dove è ora.

 

Stu Ungar

Qui Polk non si sbilancia, lascia la parola a Kane: “Onestamente non credo dovrebbe nemmeno fare parte della top 100 per un semplice motivo: quando non era in forma tutti volevano giocare contro di lui, e questa cosa non può far parte di uno dei migliori giocatori al mondo.

Era troppo loose e voleva giocare ai livelli più alti di qualsiasi cosa. Era un Isildur dei suoi tempi. Campione in altre cose, come memoria, Gin Rummy, e sicuramente ha il suo posto nei migliori giocatori delle WSOP.”

 

Stephen Chidwick

Quando l’ho conosciuto non faceva nemmeno parte della scena high stakes, cinque anni dopo era il top crusher. Posso paragonarlo a Koon come impegno per crescere.

La mia critica, condivisa a molti di questa lista, è che si è limitato ai tornei. È uno dei migliori in quella specialità, ma non ha giocato molto altro.

Non ho mai giocato contro di lui una sola mano.

 

 


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Author: Frank Snyder