come avere pazienza in un final table

jake daniels

Si sta svolgendo in questi giorni una nuova edizione della PokerGo Cup, una delle prime kermesse di poker live del nuovo anno. Abbiamo già visto all’opera i protagonisti del secondo torneo in programma, con una grande giocata da parte di Bryn Kenney che abbiamo analizzato nel dettaglio. Questa volta ci soffermiamo sul vincitore dell’evento #3 giocato questa notte, ovvero Jake Daniels.

Il player americano ha avuto la meglio sui suoi rivali qualificati per il final table, facendosi strada con una doppia eliminazione in early stage. Ma a confermare la sua good shape in questo tavolo finale ci ha pensato un’altra mano che ha giocato contro Peter Weinand in situazione di 3-left.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Un colpo ben giocato da entrambi i giocatori, ma in cui è un dettaglio a fare la differenza in favore del vincitore.

Daniels gestisce bene il colpo

Situazione: final table livelli 40.000/80.000 big blind ante 80.000

Preflop: Daniels vede K♥9♣ da small blind e apre a 175.000, trovando il call di Weinand che gioca con Q♣10♣ da big blind. Il pot sale a quota chips 430.000 chips.

Flop: K♣10♠8♦ – Jake punta 125.000 dando seguito alla sua azione, Peter opta per il raise a 320.000 e induce il suo avversario a fare call. Il pot sale a quota 1.070.000 chips.

Turn: J♠ – questa volta assistiamo a un check to check.

River: 2♣ – Daniels torna a far sentire la propria voce e punta 260.000 chips per una classica value bet. La parola torna a Weinand che non se la sente di giocare e fa fold.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Come abbiamo già svelato in precedenza, è un dettaglio a fare la differenza nella circostanza. Stiamo parlando della capacità, da parte di Jake, di attendere il momento giusto e soprattutto scegliere le size giuste per le sue puntate. Al flop ha provato a sfruttare al meglio la sua top pair, salvo poi rallentare al turn con un check molto interessante.

Si tratta di una mossa che serve a due aspetti: un tentativo di bluff induction e soprattutto capire la reale forza della mano di Weinand. Il check behind del canadese è l’episodio che restituisce coraggio a Daniels, il quale punta al river. Ottimo il fold di Peter, per nulla scontato.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Photo credit: Poker Central

Author: Frank Snyder