che colpi per Chino Rheem ed Erik Seidel!

chino rheem

Sono state tante le occasioni in cui non abbiamo potuto fare a meno di notare il cambio di passo della nuova gold gen del poker. Soprattutto nell’impatto del poker live e nei tornei high stakes, come fatto notare anche da Adrian Mateos nei giorni scorsi. Ma in queste ore sono risalite alla ribalta due figure a noi molto note e molto care. Stiamo parlando di Erik Seidel e di Chino Rheem.

Entrambi appartengono alla cosiddetta old school del poker, addirittura in momenti diversi tra loro. Tuttavia questi due grandi giocatori, due autentiche colonne dell’inizio del millennio, hanno avuto qualcosa in comune. Entrambi, infatti, sono riusciti a portare casa un evento nel corso dell’attuale edizione dello U.S. Poker Open.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Ma questi due grandi campioni hanno anche qualcos’altro in comune, derivante sempre dalle scorse ore di gioco.

Seidel e Rheem alla ribalta contro Hellmuth

Partiamo dal trionfo più datato, ovvero quello di Chino Rheem. Il giocatore di origini orientali ha portato a casa l’evento Pot Limit Omaha da 15.000 dollari di buy-in, per una prima moneta da oltre 271.000 dollari. Un trionfo arrivato grazie alla vittoria in heads up contro Scott Seiver, il quale nella mano decisiva non riesce a chiudere la sua combo draw contro il set di Nove in mano al suo avversario.

Poche ore dopo è stata la volta di Erik Seidel, il quale si è assicurato il torneo No Limit Hold’em da 25.000 dollari di buy-in. Per il buon Erik è stata una vittoria significativa, che va al di là del primo premio da 472.500 dollari. Il successo è infatti arrivato dopo un pesante heads up contro Phil Hellmuth, il quale si è arreso dopo aver quasi completato una rimonta che avrebbe avuto dell’incredibile.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

Proprio la presenza di Hellmuth accomuna i due trionfi di cui sopra. Phil, infatti, nel torneo vinto da Rheem si è piazzato al quarto posto. Ma come abbiamo avuto modo di analizzare in un articolo scritto ieri, è nel torneo vinto da Seidel che ha combinato qualcosa di fuori da ogni grazia divina…

Intanto, però, la old school torna a ruggire e a mettere in riga le nuove leve.


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

Photo credit: Pokergonews.com

Author: Frank Snyder