5 consigli per contrastare i Loose Aggressive

Difficoltà ad affrontare i giocatori LAG? Il loose aggressive quando giocato bene è uno stile di poker complicato da avere contro, ma come al solito per ogni strategia (non GTO) esiste un modo per exploitarla.

CardsChat ha pubblicato qualche tempo fa una mini-guida con cinque consigli per adattare il nostro gioco agli avversari LAG.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

1 – C’è tipo e tipo di LAG

Abbiamo la tendenza a identificare il loose aggressive con questa etichetta, ma in realtà ci sono delle suddivisioni da fare. C’è chi gioca range piuttosto ampi e in maniera aggressiva, poi c’è chi si finge LAG con qualche mossa fuori dagli schemi ma in realtà gioca in maniera più conservativa, e ci sono anche i maniac che esasperano questo stile di gioco.

Un conto è chi rilancia ogni singola mano e 3-betta con cose al confine con le trash hands, un altro è chi ha dei range un po’ più larghi e cerca di avere sempre l’iniziativa. Studia i diversi LAG e crea le tue sottocategorie, ognuno ha dei punti deboli tutti suoi.

 

2 – La posizione è la chiave

Se ne hai la possibilità cerca sempre di essere in posizione contro un loose aggressive. Incapperai in meno 3-bet e potrai giocare più mani con buona realizzazione dell’equity in posizione contro un avversario che non vedrà l’ora di metterle in mezzo.

 

3 – Aggredirli può destabilizzarli

Abituati come sono a fare il bello e il cattivo tempo ai tavoli, i loose aggressive possono trovarsi spiazzati da qualcuno che gioca duro contro di loro (anche perché con l’alto numero di mani marginali nei loro starting range…).

I LAG si nutrono di avversari passivi, quindi alzare la cresta di tanto in tanto porterà dei bei vantaggi. Attenzione solo a non farla diventare una guerra personale, altrimenti potrebbero anche rispondere a tono.

La cosa migliore è avere un’immagine mediamente tight e non esageratamente aggressiva, così le tue move forti saranno più rispettate dal LAG di turno.

 

Comparatore Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani.


 

4 – Aggressivo quando hai (un po’ di) valore

Per il discorso di prima, è comunque sempre meglio re-steallare nelle occasioni in cui hai una mano di valore, o che lo può diventare.

CardsChat in questo esempio indica mani come K3s, A5s o JTs, tutte mani che tolgono un po’ di valore al range avversario e possono improvare in ottimi flush o scale. Lascia stare trash hands totali.

Lo stesso discorso vale nel post flop, puoi rilanciare contro le sue c-bet ma cerca di farlo almeno con dei draw e overcard.

 

5 – Ogni tanto un floating

Non devi sempre rispondere alla forza con la forza. Ogni tanto ci sta un floating al raise del loose aggressive per prendere l’iniziativa sulla street successiva.

Per esempio con un 76s da BTN puoi chiamare tranquillamente il rilancio del LAG da cutoff (attenzione sempre a chi sta sui blinds però), approfittando del fatto che c-betterà troppo spesso al flop. Potrai chiamare o rilanciare, e lui si troverà spesso in una situazione scomoda.

 


Se ti piacciono i nostri contenuti iscriviti alla Community su Facebook!

 

Author: Frank Snyder